Archivio mensile: febbraio 2016

Uomini in bagno con computer, tablet e smartphone

Anche il vostro fidanzato o marito ha l’abitudine di andare in bagno portando con sè tutti i dispositivi elettronici che possiede? Intendo computer portatile, tablet, smartphone. Sì, proprio tutti.

Il mio sì. All’inizio non capivo il perché e lo guardavo con gli occhi sbarrati ogni volta che, carico di tutto il suo “armamentario”, si dirigeva verso la porta del bagno.

Poi mi ha spiegato molto chiaramente che senza computer e/o tablet e/o smartphone il tempo passato sul water per espletare i suoi bisogni è “noioso” ma soprattutto “poco stimolante”.

Al contrario, se sul wc può guardare qualcosa, come Facebook o un video, o giocare a qualche gioco, allora il suo “momento toilette” diventa migliore. 😀

Ebbene, nel tempo – parlando con amiche e colleghe – ho scoperto che anche i loro compagni hanno questa abitudine. Confrontandoci è emerso che, in generale, noi donne siamo molto veloci in bagno, mentre gli uomini “se la prendono comoda”.

Che ne pensate? Anche nella vostra coppia è così? 😀

Diario di Beasu Google+

Chat tra donne VS Chat tra uomini

Ciao ragazze, avete mai notato come le conversazioni in chat tra donne siano molto più lunghe rispetto a quelle tra uomini?

E’ incredibile come, per chattare riguardo a qualcosa di molto semplice, noi donne usiamo un numero spropositato di parole e frasi (oltre a emoticon e cuoricini), condividiamo dubbi, problemi, patemi d’animo, insomma “la tiriamo lunga”. Invece, gli uomini hanno la fortuna di essere immediati, sintetici e rapidi anche in chat! 😀

Lo spunto per questo post mi è venuto l’altro giorno. Stavo chattando su Whatsapp con le amiche per organizzarci per la serata. Dopo un’ora, il mio ragazzo mi ha chiesto: “Ma state ancora chattando? Non vi siete ancora messe d’accordo?”.

La domanda mi ha stupita, perché mi sono resa conto che io e le mie amiche abbiamo trasformato una cosa molto semplice – come stabilire un’ora e un luogo in cui ritrovarsi tutte insieme – in una cosa complicata e contorta. La nostra chat di gruppo è diventata logorroica come noi! 😀

Il mio ragazzo, invece, quando si deve accordare con i suoi amici, ci mette meno di un minuto. Uno di loro scrive, ad esempio: “Allora, ragazzi, ci vediamo al bar stasera per la partita?”. E tutti, uno alla volta, rispondono – quasi in coro – “Ok”.

E’ tutto molto lineare, non fa una piega: uno fa una domanda e gli altri rispondono “sì” o “no”, senza fraintendimenti, domande, dubbi, problemi.

E la chat finisce così, in una manciata di secondi e con una certezza inscalfibile: tutti si troveranno al bar, senza dover specificare quale bar e senza doversi dire a che ora.

Ah, che invidia! :) Perchè, al contrario degli uomini, noi siamo sempre così complicate, addirittura in chat? 😀

Diario di Beasu Google+

San Valentino 2016

Ciao ragazze, questa domenica sarà San Valentino, la Festa degli innamorati!

Ci sono molte coppie che non la festeggiano, sostenendo che l’amore va dimostrato tutti i giorni, non solo il 14 febbraio.

Ci sono altre coppie che invece amano festeggiare e scambiarsi dei regali. I pensieri che noi donne riceviamo più comunemente sono fiori, insieme a una bella cena romantica, oppure un gioiellino o un profumo. Naturalmente, alcuni fidanzati e mariti preferiscono regali più personalizzati e originali. In ogni caso, bisogna ammettere che ricevere attenzione e regalini fa sempre piacere!

Sinceramente, per quanto mi riguarda, San Valentino è sempre stato un giorno un po’ triste: da adolescente, perché ero bruttina e tutti i ragazzi mi evitavano “come la peste”. Da adulta, perché il mio fidanzato non è ha molta memoria riguardo alle date importanti, come compleanni, anniversari e quant’altro. Insomma, per lui San Valentino per lui è una festa inesistente.

Ecco il perché di questa vignetta tragicomica che ho partorito! 😀

Buon San Valentino, ragazze!

Diario di Beasu Google+

Depilazione in inverno

Oggi parliamo di un altro argomento femminile al 100%, ovvero la depilazione in inverno! 😀

In questo periodo dell’anno, in generale, noi donne tendiamo a impigrirci anche per quanto riguarda il depilarci. Sarà perché nella stagione fredda si indossano di più i pantaloni, sarà perché con le gonne e gli abiti indossiamo calze coprenti, fatto sta che ci sentiamo protette da sguardi indiscreti e trascuriamo la depilazione.

Quel che ho potuto capire finora chiacchierando con amiche, parenti e colleghe, è che esistono 2 categorie di donne.

Categoria A

La prima è formata da quelle che approfittano dell’inverno per “mandare in letargo” rasoi, cerette e creme depilatorie. Le gambe si trasformano così giorno dopo giorno in distese di peli sempre più folti e lunghi.

A convincere queste donne a abbandonare le sembianze di scimmiette e ritrovare un aspetto decoroso è solo qualcosa di improrogabile, come un evento importante che richiede gonna o abito, oppure una visita medica in cui è obbligatorio scoprire anche le gambe.

Io, purtroppo, appartengo a questa prima tipologia di donne. Mi vergogno un po’ ad ammetterlo, ma è così. :)

Categoria B

La seconda categoria è costituita invece dalle donne che si depilano regolarmente durante tutto l’anno, anche in inverno. Come le invidio! In qualsiasi momento dell’anno, le loro gambe sono lisce, morbide, perfette!

E voi, a quale categoria appartenete? :)

Diario di Beasu Google+

Principio dei Saldi: se un capo ti piace, è della nuova collezione.

Vi ricordate la famosa “Legge di Murphy”? Quella che dice che se qualcosa può andar male andrà male?

Ebbene, di recente ho scoperto che esiste un altro paradosso, a carattere naturalmente ironico, che riguarda in particolare i saldi.

Si chiama “Principio di Finman” e recita così: “Se lo vuoi, non è in saldo”.

Durante questi saldi sulle collezioni Autunno-Inverno 2015/2016, ho purtroppo verificato personalmente che il Principio di Finman è verissimo!

In tutti i negozi che ho girato in questo periodo, ogni volta che ho trovato qualcosa che mi piaceva e che era stranamente disponibile nel mio colore preferito e della mia taglia, mi sono accorta leggendo il suo cartellino che non si trattava di un prodotto scontato ma appartenente a una nuova collezione. Di conseguenza, il prezzo non era scontato ma pieno.

Non vi dico come ci sono rimasta: che delusione! 😀

Diario di Beasu Google+