Il frigo vuoto 2

Oggi parliamo, anzi riparliamo, del problema del frigo vuoto. Chi vive la gran parte della giornata fuori casa, tra lavoro ed altri impegni, e non ha tempo di fare la spesa può capirmi benissimo. Quando alla sera si rincasa stanchi ed affamati e si apre il frigo, ci si trova tutto tranne cibo commestibile: limoni ammuffiti, yogurt scaduti, ecc. 😀

Ebbene, il problema del frigo vuoto ha diversi aspetti da considerare. In questo post, ad esempio, vi mostravo la soluzione migliore per chi non ha il tempo di passare al supermercato: ordinare cibo a domicilio o uscire a prendere una pizza da asporto o un take-away. Il digiuno sarebbe un’alternativa utile, certo, soprattutto per chi come me ha chili di troppo da smaltire, ma alla sera personalmente sono troppo affamata per rinunciare a mangiare. In più, sono la golosa n°1 al mondo.

Oggi, invece, parliamo dell’effetto sorpresa che il frigo vuoto produce ogni volta che lo si apre. Nonostante siamo consapevoli di dover fare la spesa, infatti, continuiamo comunque ad aprire il frigo, come se potesse riempirsi da solo! 😀 Trovare i ripiani vuoti è una specie di doccia fredda: si rimane per qualche secondo immobili e sconcertati.

La vignetta di oggi racconta il rumore particolare che il frigo vuoto produce: una sorta di eco dove i rumori elettrici sembrano amplificati. L’altra sera, mi sembrava addirittura di sentire delle voci provenire dallo sportello! 😀

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>