L’Ipocondria digitale

Una cosa che, purtroppo, faccio spesso è cercare i miei sintomi su Internet. Niente di più sbagliato!

Può trattarsi di un semplice mal di pancia, mal di testa, mal di schiena… di un qualsiasi dolorino qua o là. Avendo una soglia del dolore molto bassa, ogni volta subito mi preoccupo e decido (mannaggia a me!!!) di digitare i miei sintomi su Google.

Regolarmente la mia ricerca dura molto tempo: apro un numero spropositato di link, leggo articoli e forum di qualsiasi tipo. Mi soffermo sui casi che mi sembrano simili al mio, faccio confronti e auto-diagnosi tragiche.

Risultato? Anziché tranquillizzarmi, mi viene un’ansia terribile, qualche volta anche un attacco di panico vero e proprio. Inizio a temere il peggio, mi sento proprio spacciata! 😀

Adesso ve lo sto raccontando ridendoci su, ma in realtà, ragazze, non c’è niente di peggio, quando si sta male, di cercare una diagnosi su Internet! Come buon proposito per il nuovo anno ho aggiunto quello di non farlo mai più. Ci riuscirò? Ahahhaha! 😀

E voi? Siete anche voi delle “ipocondriache digitali”?

2 comments

  1. Cheyenne

    Io sì! E hai raggione è la cosa che proprio nn dovremmo fare! Hahahaha

    febbraio 7, 2014 at 1:52 am

  2. Bea

    Ahahhah 😀

    febbraio 14, 2014 at 2:02 pm

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>