Rimedi contro il caldo per chi non ha l’aria condizionata

Ragazze, che caldo! Davvero non se ne può più! Per rinfrescarmi sto provando di tutto. Premetto che in casa non ho l’aria condizionata, perciò devo arrangiarmi col “fai-da-te”. Ecco tutti i miei tentativi:

Il ventilatore

Durante il giorno chiudo tutte le tapparelle e le finestre, in modo che non entri il sole e che l’ambiente si mantenga “fresco”. Questo vuol dire che i giorni in cui sono a casa vivo al buio completo, come un pipistrello. Siccome, però, non basta, accendo anche un grande ventilatore e mi piazzo davanti all’aria fresca. Se cambio stanza, lo porto con me, come fosse una protesi diciamo, una prosecuzione del mio corpo.

La corrente d’aria

Di notte per riuscire a dormire, invece, riapro le finestre e le tapparelle e cerco di fare un po’ di corrente d’aria. Purtroppo non ne entra un filo, quindi devo tenere il ventilatore acceso ai piedi del letto. Insomma, io e il ventilatore, ormai, siamo inseparabili!

Il bagno nell’acqua fredda

Durante i giorni di afa, faccio la doccia anche tre volte. Il problema è che appena esco dal box doccia sono già sudata, tanto da non capire se è acqua o sudore. Un metodo che ho scoperto per raffreddare meglio il corpo è il bagno freddo: riempio la vasca con acqua fredda e a volte aggiungo anche cubetti di ghiaccio. Lo so, sembro pazza! 😀

Il pavimento di piastrelle

Questo “trucchetto” l’ho visto fare da mia nonna e vi dico la verità che le prime volte mi sono spaventata tantissimo: la trovavo sdraiata immobile a pancia in su sul pavimento! Poi mi ha spiegato che sdraiarsi sulle piastrelle e rimanerci per un po’ permette di rinfrescarsi. Questo non vale invece per i pavimenti di altri materiali, ad esempio il legno.

La cantina o il garage

Non voglio dimenticare di citare le mie fughe in cantina o in garage, che essendo interrati mantengono una temperatura fresca. Quando proprio non ce la faccio più e i rimedi sopra citati non funzionano, mi rifugio in cantina o in garage. Non sono certo posti salubri, tra odore di salami appesi e puzza di smog, ma per 10 minuti sono sopportabili e anzi danno appunto un grande refrigerio. 😀

Il frigo aperto

Per ultima, una soluzione che può sembrare assurda (sì, lo è!): aprire il frigo e piazzarsi davanti. Ahhhh, che refrigerio! 😀

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>