Un weekend con i nipotini

Questa settimana la mia vignetta arriva in ritardo, perché lo scorso weekend è stato per me molto impegnativo e mi devo ancora riprendere 😀 Ahahha! Mia sorella mi ha chiesto di tenerle i bambini, perché aveva degli impegni. L’ho fatto molto volentieri, adoro i miei nipotini, però devo ammettere che non ero abituata a fare la baby sitter per l’intero weekend: di solito li vedo per un paio d’ore o al massimo mezza giornata.

Ebbene: non avrei mai pensato che tenere due bambini piccoli fosse così stancante! Ora capisco perché mia sorella non ha mai tempo di sentire o vedere qualcuno e ha sempre un viso sciupato e con le occhiaie! 😀 Insomma, stare tutto il fine settimana con le mie adorate pesti mi ha distrutta! Se avessi fatto la scalata dell’Everest mi sarei stancata meno! 😀

In linea di massima, ecco la tabella di marcia delle nostre due giornate/nottate insieme:

alle 6 la sveglia: i bambini hanno un’inspiegabile energia che manifestano fin da prima dell’alba! 😀 Alle 6, i miei nipotini già si dimenavano senza pace nel letto, ridevano e poi piangevano o urlavano senza apparente motivo, mi davano bacetti e poi mi strattonavano, mi parlottavano cose incomprensibili :D, insomma volevano già alzarsi! Così, pur faticando a tenere gli occhi aperti e con un gran mal di testa, muovendomi come uno zombie li ho portati in cucina per preparare loro la colazione :D;

dalle 7 alle 7,30 la colazione: i miei nipotini non si possono certo definire disciplinati, nessuno di loro mentre mangia sta seduto composto e tranquillo sul seggiolone o sulla sedia. 😀 In particolare, per il maschietto qualsiasi alimento diventa un oggetto con cui giocare: così la banana era la pistola dello sceriffo, il latte una pozione magica, ecc. Lui era ovviamente il buono e io il cattivo, che doveva essere catturato. Per farla breve, la “pozione magica” mi è stata lanciata sui capelli per “neutralizzare” i miei perfidi poteri. 😀

dalle 8 alle 19 giochi no limits: dopo la colazione ho lavato e vestito i bimbi e da quel momento fino all’ora di cena è stato un susseguirsi senza alcuna pausa di giochi su giochi su giochi. Nascondino, giochi di ruolo, libretti da colorare, Didò, Lego e Duplo, gare con le macchinine e acconciature alle bambole, bagnetto ai peluche, pappe con le pentoline, libri di storie illustrate: dall’entusiasmo di essere con la zia, hanno giocato anche durante i pasti, tanto che per farli mangiare ho dovuto inseguirli con cucchiaini e forchette. E, per non sottrarre tempo prezioso ai loro giochi, non hanno mai voluto fare il pisolino pomeridiano, in cui tanto confidavo per riprendermi. 😀

alle 21 la distruzione: alle nove di sera, orario in cui solitamente dormono già, erano ancora svegli. Il bimbo saltava sul letto con un’energia addirittura superiore a quella della mattina, mentre la bimba, più piccola, giocava a strappare le pagine del libretto di favole che in realtà avevo preparato per leggerlo e farli addormentare :S. L’unica che si stava addormentando, invece, ero io! 😀 Insomma, i nipotini si sono addormentati verso le 22 e a quell’ora vi dico che – per la stanchezza – mi sembravano le 4 di mattina!

Nonostante tutta questa fatica, vi garantisco che stare due giorni con i miei nipotini è stato bellissimo e spero ci siano presto altre occasioni. I bambini sono meravigliosi, hanno una spontaneità e un entusiasmo che noi adulti abbiamo perso, ma che ancora ci incanta, ci conquista, ci diverte e ci fa stare bene. W i bambini!

E voi? Avete figli o nipoti piccoli? Siete “allenate” al loro tornado di energia oppure come me ne uscite distrutte? 😀 Raccontatemi!

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>